I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

Foggia - Torna ‘Cultura è Passione’: tutti gli spettacoli (e le novità) del Teatro della Polvere

08/11/2018

Gli spettacoli in cartellone per la stagione teatrale della Compagnia di via Parisi

Sei nuove produzioni targate TdP, due compagnie esterne per circa 20 repliche complessive

Ufficializzato il cartellone della quinta stagione teatrale ‘Cultura è Passione’ del Teatro della Polvere. Dopo l’anteprima degli scorsi 1 e 2 novembre con ‘La buonanima della suocera’ di George Feydeau, si entra nel vivo della proposta del teatro di via Nicola Parisi, a Foggia: sei nuove produzioni targate TdP, due compagnie esterne per circa 20 repliche complessive e tante novità.

“La stagione ormai alle porte si preannuncia ricca e particolarmente impegnativa per il Teatro della Polvere”, assicura il direttore Stefano Corsi. “Presenteremo sei spettacoli originali, tutti prodotti dalla nostra compagnia, che toccheranno le tematiche che, da sempre, ci sono a cuore: antimafia, impegno sociale e civile. Inoltre, dopo l’ottimo riscontro dello spettacolo ‘Anna dei miracoli’ presentato lo scorso anno, riproporremo anche nuovi adattamenti di importanti opere cinematografiche divenute nel tempo vere e proprie pietre miliari”.

Entrando nel dettaglio del cartellone, si inizia il prossimo 24 e 25 novembre, con ‘Caporal Minore’, scritto da Marcello Strinati, che offre uno spaccato sulla piaga delle varie tipologie di ‘caporalato’ che oggi mina il mondo del lavoro dall’interno.

Si prosegue poi a dicembre con ‘Eva contro Eva’ (27, 28 e 29): tratto dal racconto di Mary Orr, All about Eve, vede due donna contrapposte, una partita giocata ad armi impari il cui discrimine maggiore è dato dallo scorrere, inesorabile, del tempo. Nel 1950 il regista hollywoodiano Joseph L. Mankiewicz ne fa un capolavoro cinematografico candidato a ben 14 premi Oscar.
Il nuovo anno inizia con la prima compagnia esterna ospite del teatro di via Parisi: si tratta della Compagnia Vernice Fresca, di Avellino, che nei giorni 26 e 27 gennaio presenteranno ‘La Matassa’, spettacolo liberamente tratto da ‘Filumena Marturano’. Domenico e Filumena, due persone, due coscienze che cercano di capire il perché delle loro scelte passate. Due persone legate da un filo sottile, quello dei ricordi e della nostalgia che si annida in ogni parola, detta e non detta.
Il 9 e 10 febbraio, ancora una produzione TdP, con ‘404 – Page Not Found’, scritto da Gianluca Tornese Buonamassa. Una giovane coppia, una vita che sembra essere una sfida persa in partenza: l’ambizione senza impegno che si rifugia in un amore insano, una gabbia di asocialità e apatia fatta di computer, televisioni, cellulari, internet, social e sushi a domicilio.
Il 2 ed il 3 marzo, la Compagnia Vox Animi, di Roma, porterà in scena ‘30 spettacoli in 60 minuti’, tratto dal format americano ideato dallo scrittore e regista Greg Allen. Basato sull’immediatezza della rappresentazione, lo spettacolo mira a rappresentare la vita reale sul palco, mettendo da parte le solite convenzioni e recuperando invece l’interazione fra pubblico e attore. Sempre a marzo, il 23 e 24, è la volta di ‘Una pura formalità’, di Pascal Quignard, tratto dal film di Giuseppe Tornatore. Due uomini, un commissariato di polizia e una notte troppo lunga: un susseguirsi di deposizioni e posizioni contraddittorie che porteranno i protagonisti all’interno di una storia da dipanare come un gomitolo di lana. Il soggetto di Pascal Quignard nel 1994 divenne un celebre film grazie alla magistrale regia di Giuseppe Tornatore, vincitore di un David di Donatello, con Roman Polanski e Gerard Depardieu.
‘Chi è di scena?’, è lo spettacolo che verrà presentato il 20 e 21 aprile, scritto e interpretato dalla Masterclass della Compagnia Teatro della Polvere.
L’impegno del Teatro della Polvere, inoltre, si moltiplica su più palcoscenici. “Siamo particolarmente orgogliosi - conclude Corsi - di dare continuità ad un progetto che ci vede impegnati nel raccontare la storia della nostra città insieme all’amico e attore/regista Luca Cicolella: dopo ‘Il giorno del girasole’, sui bombardamenti che quasi rasero al suolo Foggia nel ’43, presenteremo lo spettacolo ‘Nero Novembre’, che ripercorrerà la vicenda dell’omicidio del costruttore Giovanni Panunzio e del testimone di giustizia Mario Nero. Tra i nuovi piani di sviluppo della compagnia foggiana, c’è anche quello romano: nella Capitale, infatti, è stato attivato un vero e proprio gruppo di lavoro, una gemmazione del TdP che ha partorito una della produzioni in cartellone. Infine, da gennaio, partirà una mini-tournée che ci porterà in giro per l’Italia, fino a Milano”.

Conclude, quindi, il cartellone teatrale l’appuntamento fuori stagione - ed eccezionalmente in scena al Teatro Comunale ‘Umberto Giordano’ di Foggia - il 3 e 4 maggio il TdP presenta ‘Nero Novembre’, scritto da Marcello Strinati. La sera di un freddo novembre di oltre vent’anni fa, un uomo viene ucciso. Quell’uomo è Giovanni Panunzio, un imprenditore foggiano assassinato per aver ribadito più volte il suo ‘no’ alla mafia. La storia di Giovanni, però, non si è conclusa in quella fredda sera: rivive nei ricordi di chi l’ha conosciuto e si ripercuote nella vita di chi ha testimoniato contro il suo omicida, coraggiosamente: Mario Nero, vittima di mafia e di Stato, ed esule suo malgrado, dopo ancora più di vent’anni.




LA STAGIONE TEATRALE
‘Cultura è Passione’

24 - 25 novembre
Caporal Minore
Produzione Teatro della Polvere
Di Marcello Strinati, regia di Stefano Corsi

Teresa è laureata, ha un dottorato, ha svolto un paio di tirocini importanti, ed è alla ricerca del suo primo lavoro. Dopo numerose risposte negative, ripone le sue ultime speranze in un “amico di un amico di un amico”, che lavora in un non precisato ufficio. Teresa si presenta senza appuntamento ed è costretta ad attendere che arrivi il suo turno: vedrà passare davanti a lei molti personaggi, e ascolterà le loro storie, partecipando al dramma di precarietà e sfruttamento che caratterizza il lavoratore e l’essere umano moderni.
Caporal minore è uno spettacolo surreale, a tratti grottesco, nel quale fa da padrone il clima di perenne attesa, attesa di un sogno, di un obiettivo, di una realizzazione che non arriva mai. Le voci presenti sul palco sono quelle delle migliaia di vittime del caporalato che, mai come oggi, urlano il bisogno di essere ascoltate.

27 - 28 – 29 dicembre
Eva contro Eva
Produzione Teatro della Polvere
Di Mary Orr, regia di Tiziana Massimo

Tratto da un racconto di Mary Orr, All about Eve, narra la storia della bella e giovane Eva Harrington entrata con misura e gentilezza nelle grazie della famosa attrice Margo Channing. Dopo che Eva riesce a farsi amare anche da amici e colleghi, Margo comincia a subodorare le reali intenzioni della giovane ragazza entrata in punta di piedi nella sua vita ed ormai quasi vicina a rubarle oneri e onori, l'amore e la carriera. Quanto tempo ci vorrà prima che Eva incontri la sua Eva? Nel 1950 il regista hollywoodiano Joseph L. Mankiewicz ne fa un capolavoro cinematografico candidato a ben 14 premi Oscar.

26 - 27 gennaio
La Matassa
Produzione Vernice Fresca Teatro
Liberamente ispirato allo spettacolo ‘Filumena Marturano’
Da un’idea di Nicola Mariconda, regia di Massimiliano Foà
In scena: Nicola Mariconda, Rossella Massari

Domenico e Filumena sono un uomo e una donna, due persone che hanno vissuto la loro vita. Sono due coscienze che cercano di comprendere il perché delle loro scelte. Due persone non tanto diverse tra loro, legate da un filo sottile fatto di ricordi e nostalgia, che si annida in ogni parola, detta e non detta. Parole pesanti, che nascondono un pezzo del loro mondo, un pezzo del loro passato e anche quello del loro futuro.






9 - 10 febbraio
404 – Page Not Found
Produzione Teatro della Polvere/Roma
Di Gianluca Tornese Buonamassa, regia di Stefano Tornese
In scena: Giulia Bernabei, Stefano Tornese

Lui trent’anni, lei venticinque. Una coppia di fidanzati che si sente già vecchia e sconfitta. Per loro la vita è una sfida persa in partenza, entrambi con delle ambizioni soffocate dall’inerzia, dalla pigrizia, dalle scuse. L’ambizione senza impegno si rifugia in un amore insano, una gabbia di asocialità e apatia fatta di computer televisione, cellulari, internet, social e sushi a domicilio.

2 - 3 Marzo
30 Spettacoli in 60 Minuti
Produzione Compagnia Vox Animi
Di Greg Allena
Con Gioele Barone, Valentina Guaetta, Paola Moscelli, Lodovico Zago

Quattro attori in scena, 60 minuti di tempo a disposizione e 30 storie da racontare: tratto dal format americano Too Much Light Makes The Baby Go Blind (30 Plays in 60 Minutes © ideato dallo scrittore e regista Greg Allen e assolutamente inedito in Italia, ‘30 Spettacoli in 60 Minuti’ è una spericolata corsa contro il tempo: un format diretto, sarcastico, amaro, irriverente che racconta, in una successione di 30 spettacoli a sé stanti scelta direttamente dal pubblico in sala e con il continuo ticchettio del tempo in sottofondo, i meccanismi più profondi dell'esistenza umana.

23 - 24 marzo
Una pura formalità
Produzione Teatro della Polvere
Di Pascal Quignard, regia di Tiziana Massimo

Una notte di tempesta. Un commissariato fatiscente. La stanza è spoglia, ci sono solo una scrivania, una sedia e contenitori a raccogliere l’acqua piovana sgocciolante dal tetto. Un uomo senza documenti, bagnato e infreddolito viene condotto all’interno dei locali. Sbraita, fa resistenza, dice di non avere nessun motivo per essere trattenuto. Asserisce di essere un famoso scrittore, ma nel momento in cui il commissario gli cita un brano di una sua opera, dice di non conoscere affatto quelle parole. Parte da qui un susseguirsi di deposizioni e posizioni contraddittorie che porteranno i protagonisti all’interno di una storia da dipanare come un gomitolo di lana. Il soggetto di Pascal Quignard nel 1994 diventa un celebre film grazie alla magistrale regia di Giuseppe Tornatore, vincitore di un David di Donatello, con Roman Polanski e Gerard Depardieu.

20 - 21 aprile
Chi è di scena?
Produzione Teatro della Polvere
Scritto e interpretato dalla Masterclass della Compagnia Teatro della Polvere

Un’opera innovativa per struttura e presentazione. Essa è, infatti, diretta, riscritta e interpretata dai più giovani membri della Compagnia del Teatro di via Nicola Parisi e rimarrà, nel cartellone, una sorpresa. Come suggerisce il titolo, chi sarà di scena, la stessa scena e la trama dello spettacolo rimarranno fino alla fine un mistero.



3 - 4 maggio
Nero Novembre
Produzione Teatro della Polvere
Di Marcello Strinati, regia di Luca Cicolella

La sera di un freddo novembre di oltre vent’anni fa, un uomo viene ucciso. Quell’uomo è Giovanni Panunzio, un imprenditore foggiano assassinato per aver ribadito più volte il suo ‘no’ alla mafia. La storia di Giovanni, però, non si è conclusa in quella fredda sera: rivive nei ricordi di chi l’ha conosciuto e amato; e si ripercuote nella vita di chi ha testimoniato contro il suo omicida, coraggiosamente: Mario Nero, vittima di mafia e di Stato, ed esule suo malgrado, dopo ancora più di vent’anni. ‘Nero novembre’ è uno spettacolo che parla di una storia vera, attuale, scomoda, e lo fa con toni realistici, raccontando non solo la personale guerra di Panunzio contro la Società Foggiana, ma anche ciò che da quella vicenda è scaturito: il silenzio di una città intera, il suo spirito debilitato, descritti crudamente dalle voci sul palco, e le poche ma determinate voci fuori dal coro.

TEATRO DELLA POLVERE, CHI SIAMO

Il Teatro della Polvere nasce a fine 2016 contestualmente all’apertura dell’omonimo contenitore culturale nel centro storico di Foggia: un teatro off di circa 180 mq e 75 posti a sedere. L’attività teatrale del gruppo che ha portato la nascita di questa nuova struttura, però, prende le mosse molti anni prima, dal novembre 2011, con il Centro Universitario Teatrale – C.U.T. Foggia. Il Teatro della Polvere nasce quindi con l’obiettivo di dare più ampio respiro ad un progetto che rischiava di rimanere chiuso ad un ambito importante, ma ristretto, come quello universitario: è la naturale evoluzione di un’associazione che si è aperta alla città e che vuole confrontarsi con altre strutture del territorio e non.
Una scelta che si è rivelata vincente perché in pochi mesi più di 1000 persone hanno seguito gli eventi organizzati nella struttura (la stagione teatrale - che ha fatto registrare tutti sold out e la necessità di aggiungere ulteriori date di spettacolo - , concerti, spettacoli di fine anno).

LE STAGIONI TEATRALI E LE NOSTRE PRODUZIONI

Lo scorso maggio è terminata la nostra terza Stagione Teatrale dal titolo “Cultura è Passione”. Come negli anni precedenti, abbiamo portato in scena quasi tutti spettacoli auto-prodotti, originali nei testi e nelle musiche.
Attraverso le proposte dei nostri cartelloni teatrali abbiamo trattato tematiche differenti: culturali, innanzitutto, con lo spettacolo “Poena”, tratto dalle Heroides di Ovidio e “Sax”, sulla vita dell’inventore dell’omonimo strumento musicale; sociali con “Ogni Singolo Giorno” (storia di mafia), “Angoli” (storia ambientata in un carcere femminile, sulle condizioni e conseguenze della detenzione) e “Cinque Tazzine” (spettacolo tragicomico sulla disoccupazione giovanile); ancora, spettacoli tratti dai grandi classici teatrali, come “Molto Rumore Per Nulla” di William Shakespeare o “Inferno”, una riscrittura in chiave moderna (e provocatoriamente laica) della famosa cantica del capolavoro dantesco. Nonostante da sempre il nostro obiettivo sia quello di cercare di affrontare la materia teatrale non solo come mero intrattenimento artistico, abbiamo prodotto anche commedie brillanti (“Il giardino di Rose”, tratto da La signorina Papillon di Stefano Benni, “Crimini diLetto” e “La Maledizione”). All’interno dei nostri spettacoli hanno collaborato, in alcuni casi, artisti provenienti da ambiti diversi (ad esempio il Maestro Mario Rucci, già direttore del Conservatorio di Foggia, il pianista di livello internazionale Domenico Monaco, il compositore Antonio Cicognara).
Lo scorso giugno inoltre abbiamo portato in scena (occupandoci anche della scrittura del testo e delle musiche di scena) in importanti strutture teatrali di Foggia ulteriori due spettacoli: “Chet”, spettacolo di teatro-musica sul trombettista e cantante Chet Baker nell’ambito della rassegna MusicArts Felix e “Gino”, opera dedicata a Luigi Pinto - vittima foggiana dell’attentato di Piazza della Loggia a Brescia - andata in scena al teatro “Umberto Giordano” e prodotta dal sindacato FLC CGIL di Foggia.

LABORATORI TEATRALE ED ALTRE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE

Fulcro della nostra attività è stato da sempre la formazione: sin dal primo anno abbiamo organizzato laboratori teatrali che potessero formare giovani attori in grado, negli anni, di contribuire alla crescita della compagnia. I nostri Laboratori Teatrali sono organizzati a più livelli, con diverse materie di insegnamento e diversi conduttori: oltre ai più rinomati metodi di recitazione (Stanislavskij e Meisner), viene dato grande risalto alla componente emotiva, oltre che al lavoro sulla dizione e fonetica.
Attualmente tra livello BASE, livello AVANZATO e MASTERCLASS (i cui componenti collaborano anche nelle produzioni) possiamo contare su circa 30 allievi.

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it