I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

MERCATO DI SAN SEVERO, GLI AMBULANTI CONTESTANO IL CALCOLO DELLA TASSA RIFIUTI

09/07/2019

UNIMPRESA-CASAMBULANTI: “L’IMPORTO DELLA TARIG DA PAGARE, CALCOLATA SU BASE GIORNALIERA, DOVREBBE ESSERE PARI AD UN SETTIMO DI QUELLA ERRONEAMENTE RICHIESTA. IL COMUNE AGISCA IN AUTOTUTELA”

Sono rimasti di stucco gli ambulanti concessionari di posteggio nel comune di San Severo i quali si sono visti recapitare richieste di pagamento per la TA.RI. – Tassa Rifiuti di ben oltre sette volte quanto realmente dovuto sulla base di calcolo Tarig cioè Tassa Rifiuti Giornaliera.
Nella richiesta di pagamento, infatti, il comune di San Severo indica la TA.RI. calcolata su base 365 giorni e l’importo schizza alle stelle. La Tarig, invece, si applica in base a tariffa giornaliera ai soggetti che occupano o detengono temporaneamente, ossia per periodi inferiori a 183 giorni nel corso dello stesso anno solare, con o senza autorizzazione, locali od aree scoperte pubbliche o di uso pubblico nonché aree scoperte gravate da servitù di pubblico passaggio. Le occupazioni pari o eccedenti i 183 giorni sono soggette al tributo in via ordinaria. E’ esattamente questo il criterio applicativo ai banchi di mercato. Per quanto sopra la tariffa deve essere divisa per 365 giorni, moltiplicato per la superficie occupata dal banco vendita e poi moltiplicato ancora per il numero dei giorni di occupazione quindi massimo 52 mercati l’anno. In realtà, come è accaduto ad Andria, grazie alla vittoria ottenuta in seguito alla proposizione di un ricorso a firma del presidente Savino Montaruli di Unibat, il conteggio dovrebbe tener addirittura conto dei giorni di effettiva occupazione quindi con lo scorporo delle giornate di assenza dal mercato nell’anno di riferimento e questo nel comune di San Severo neppure è avvenuto né avviene.
Alla luce di quanto sopra siamo a CHIEDERE la corretta applicazione della norma quindi il ricalcolo degli importi da versare a titolo di TA.RI.G. per l’anno 2019 con una risultanza che dovrebbe aggirarsi a circa un settimo dell’importo richiesto quindi circa 50 euro l’anno a fronte dei 356,00 euro richiesti per una superficie di soli 24 mq.

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it