I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

1 agosto - “Fiato minimo” (Musicaos) di Serena Corrao - Alliste (Lecce)

01/08/2020

COMUNE DI ALLISTE
COMUNE DI CASARANO
MUSICAOS EDITORE
CONSULTA GIOVANI ALLISTE E FELLINE

SABATO 1 AGOSTO 2020 – ORE 20.00
ALLISTE - PIAZZA MUNICIPIO

Quarto appuntamento della Rassegna di Incontri Culturali
“IL CORTILE DEI LIBRI PARLANTI”, V EDIZIONE, 2020


Presentazione di

“Fiato minimo”
(Musicaos)
di Serena Corrao

introduce:
Luciano Pagano
(Editore)

a seguire

“BLU PROFONDO.
Viaggio all’origine della vita”

con
Serena Corrao
(poesia)

Paolo Cossa
(brani tastiere)

Sabato 1 agosto 2020, alle ore 20.00, ad Alliste, in Piazza Municipio, ritorna la fortunata rassegna di incontri culturali, “Il Cortile dei Libri Parlanti”, giunta alla sua quinta edizione, con l’avvicendarsi, da luglio a settembre, scrittori e scrittrici, musicisti, relatori.

Il quarto appuntamento della Rassegna prevede la presentazione di “Fiato minimo”, di Serena Corrao, edito da Musicaos Editore. “Fiato minimo” raccoglie i testi della performance poetica “Blu profondo. Viaggio all’origine della vita”, che verrà eseguita dalla poetessa con il musicista Paolo Cossa.

“Il Cortile dei Libri Parlanti”, la cui direzione artistica è affidata al poeta Vito Adamo, in collaborazione con Musicaos Editore, si avvale della collaborazione e patrocinio dell’assessorato alla cultura e dell’assessorato allo spettacolo del Comune di Alliste, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Casarano, e della Consulta dei Giovani Alliste Felline. Il motto della rassegna di questo anno è un verso di Dante, in particolare l’ultimo dell’Inferno, “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, un augurio per tutti coloro che – artisti, operatori, lettori - negli ultimi mesi non si sono potuti incontrare, di persona, per celebrare la poesia e la cultura.

L’allestimento artistico sarà a cura di Fratelli Parisi | Luminarie.
L’evento si terrà in Piazza Municipio e verrà trasmessa anche in diretta su facebook.

“Fiato Minimo”
“La vita, l’amore e la morte cucite come un drappo col filo della malinconia. Una malinconia che avanza e torna indietro e col suo moto inquieto, cadenzato, circolare, cerca in ogni lingua un po’ di asilo per narrarsi. Per dire di sé in ogni intimo parlare. Sei canti per dare fiato e fuoco all’esistenza, per uscire dal limine sospeso del silenzio e decidere di nascere e abitare il tempo. Sei canti roventi di passione per venire al mondo, a piedi scalzi, con le bianche vesti del perdono e attraversare, contro luna e contro vento, il sogno trasformativo dell’amore e volgere, infine, lo sguardo al tempo del commiato, soli, a bordo di una panca e di un bastone. Canti come una liturgia di un rito che prova a unificarsi, assemblando sepolcri, albatri e fossili scampati al furore buio della tempesta. Ciò che si compone in queste pagine, sul dorso di un fiato minimo, è un urlo di gratitudine che si ripete come la litania di un Kyrie Eleison. L’Autrice canta a squarciagola la sua lode alla Vita, canta come un kyrie il suo perdono.” (Annalisa Montinaro)

“Blu Profondo” è una performance di musica e poesia in cui gli artisti conducono il pubblico in un viaggio mnemonico-emozionale che tocca luoghi remoti, di cui resta traccia profonda nella nostra memoria cellulare e nel nostro inconscio. Il richiamo – blu profondo – è all’ambiente ‘acquoso’ dove si origina la vita. Non solo il blu profondo degli oceani primordiali, dove ha avuto inizio la mirabolante avventura della vita organica, così come la apprezziamo nella filogenesi; ma anche il blu profondo dell’utero di una madre, dove si accende la scintilla della nostra vita individuale che ripete, nell’ontogenesi, quella straordinaria storia evolutiva.
Un luogo sacro, un ambiente vero e proprio, dove possiamo venire silenziosamente raggiunti da un messaggio di Bellezza che ci prepara creativamente alla vita, o da un messaggio ambivalente, dis-integrato e disintegrante, che veicola paure, tradimenti, dinieghi, producendo, dunque, ferite in un epoca primigenia, prima di ogni sguardo, prima di ogni parola.
Allora è lì che bisogna tornare, per ri-legarsi al sacro, ristabilire le connessioni salutari con la vita, disinnescare i mostri, tentare la strada nuova della riunificazione, perdonando e perdonandosi (in senso rigorosamente laico).
I testi poetici accompagnano delicatamente il pubblico in questo percorso, segnando le tappe di un viaggio terrestre, marino e sottomarino, avvincente e al tempo stesso non esente da pericoli; come il viaggio di Ulisse, ‘uomo dai mille patimenti’, che attraversa i mari per riunificarsi e sentirsi a casa, divenendo emblema di quell’arte esistenziale che ci abilita a usare il dolore per creare, divenendo artisti della nostra vita.

Dal punto di vista artistico-formale, il testo poetico non è semplicemente verbalizzato, ma è interpretato in una forma accortamente integrata nel ritmo e nella sintassi musicale, al punto da poter essere percepito, a tratti, come una canzone parlata. Al contempo, esso è offerto con la partecipazione totale del corpo dell’interprete, che si muove, a volte, fino a danzare, o comunque ad esaltare i significati con gesti e movenze.

Alcuni testi si susseguono immediatamente, altri sono legati da un intervento narrativo che tiene il filo tematico, lasciando anche il tempo di cambiare, in scena, la pettinatura della performer e gli accessori del costume.

Serena Corrao
Nata a Brindisi nel 1974, da madre napoletana e padre palermitano, amanti della poesia, soprattutto nelle sue forme più musicali, in rima. Interessata allo sviluppo integrale della Persona, si laurea come Educatrice Professionale. Prosegue la ricerca morale con un dottorato in Etica e Antropologia (Università del Salento), e due master in ambito etico- ilosofico (St. Andrews University, Scozia, e La Sapienza), sposando i canoni della filosofia analitica anglosassone, attenta più al linguaggio che non alla realtà da esso filtrata, indagando sulla logica dei giudizi morali e le loro condizioni di condivisibilità universale. Oggi opera come Counselor ad orientamento antropologico cosmo- artistico, inaugurato dal maestro umanista Antonio Mercurio e incardinato sulla libertà, la fedeltà a se stessi e il valore insostituibile di ciascuno come co-autore della bellezza dell’universo. Gli interessi respirati fin dall’infanzia e il suo mondo valoriale umanistico si condensano nei suoi versi, che porta in scena come performer in progetti di musica e poesia.

PAOLO COSSA (AN, 1947): Vive a Offagna. Jazzista e compositore tra i più noti della scena marchigiana, si è esibito in molte parti d’Italia, segnatamente con la formazione jazz Piedi Scalzi - con cui ha all’attivo il CD Oltre la nebbia (2011)- e il tenore Andrea Quarti. Di recente pubblicazione il suo secondo CD Inner life, (con la pianista Cristina Ratti). Entrambi i lavori sono di sua composizione. È trentennale la sua partecipazione all’ensemble artistico L’Orastrana, che anima il territorio marchigiano con musica, teatro, fiabe illustrate in live painting.

Si incontra con Serena Corrao casualmente nel 2016, scoprendo che i loro linguaggi viaggiano all’unisono, potendosi affiancare nell’amplificazione di un messaggio. Costituiscono il duo ChiavediSoul Piano&Poesia, aperto all’integrazione di voce, altri strumenti e linguaggi espressivi, in base alla ricchezza sempre inedita delle occasioni performative. Dal suo recente esordio, il duo conta varie esibizioni in contesti privati, di cui si segnala quella presso le cave di Arnesano di proprietà di Vito Pati, in arte Mago Fracasso (2017); la performance del 2016 a Pergola (AN), presso il Centro Culturale Squola, che ha incluso la pittrice berlinese Astrid Albers e la cantante e attrice teatrale Birgit Kiefer; - la performance del 14 settembre c.a, nel chiostro del Museo Diocesano in piazza Duomo a Lecce.

Informazioni:
https://www.facebook.com/ilcortiledeilibriparlanti/

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it