I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

1 agosto - FANTASIA IN RE MINORE PER PASOLINI A MASSERIA JESCE (ALTAMURA)

01/08/2020

IL MONOLOGO
Una notte nera come il petrolio.
Una notte di poeti: un uomo che torna, un uomo che sogna.
Roma e l'Idroscalo, Casarsa e le prealpi friulane.
In scena c'è un'attrice, immersa nelle ombre e nella luce calda del sogno.
Una donna e un pianoforte.
Nella drammaturgia si innesta la Fantasia in Re minore di W. A. Mozart.
Tutto il folle amore sta in un nome: tutto sta nel ricordare, nel pronunciare e nel dimenticare una paura per conoscere una nuova libertà.

Irene Gianeselli interpreta il monologo tratto dal suo Preghiera di novembre (Semifinalista al Premio Campiello Giovani 2017 ed edito nello stesso anno dalla Florestano Edizioni nell'omonima raccolta di racconti dedicata a Pier Paolo Pasolini). Un pianoforte nella notte ed una donna in ascolto del maestro, un atto poetico, politico e d'amore.



NOTE DI DRAMMATURGIA


Preghiera di novembre è un racconto nato nel 2017 per essere letto ad alta voce. Per circa due anni ho rimandato la responsabilità di leggerlo io stessa, l'ho spesso affidato ad altri attori.
Ma uno scrittore, come un attore, deve prendersi la responsabilità delle proprie parole. Leggere ad alta voce per gli altri costringe a rileggere anche se stessi. E a trovare la propria voce.
Pasolini, sin dai miei primi studi, mi ha in-segnato tanto. Continuerò a imparare da lui l’onestà, l’impegno e la forza di credere nella realtà. Ogni volta che prendo un suo scritto o guardo un suo film mi rendo conto di quanto l’apprendistato sia articolato, piacevolmente complesso.
Quando ho pensato Preghiera di novembre sentivo sul petto il peso della sua morte, è vero, ma sentivo anche l’esigenza di spostare l’orizzonte critico da quel turpe omicidio che ci appartiene, che appartiene alla mia generazione più che alle altre, forse, e che riguarda tutti noi italiani ed europei.
Turpe omicidio che è servito solo a giustificare tentativi di distorsione e di revisione dell’atto intellettuale pasoliniano.
Ma io volevo affrontare la sua Poesia, perché Pasolini fa sempre Poesia – che sia per immagini, parole o gesti – con una consapevolezza nuova, nel superamento di quella morte. Per farla finita, almeno io, con gli argini e le deturpazioni. Cercavo una giustizia tutta umana nella scrittura, quella stessa giustizia tutta umana che può farsi palpito di carne sul palcoscenico.
Pasolini è uno degli ultimi Poeti Civili di questa Italia.
Questo monologo attraversa la sua voce dolce che sa attraversare e che è per questo tremenda: è una voce che non rinuncia, mai l’ha fatto, a ragionare sulle cose del presente per capirle.
Conoscere, del resto, è un atto d'amore e di libertà, l'amore stesso è una religione in Pasolini ed è per questo che, mentre cercavo un mio canto per raccontare tutto questo folle amore per la vita, ho trovato nelle mani la Fantasia di Mozart e negli occhi l'immagine di una scena fatta di luci e ombre, di buio e di corpo.

Irene Gianeselli, direttore artistico e attrice della Compagnia dei Felici Molti nata in seno all’omonima Associazione, nasce a Bari l’8 settembre 1997. Critico cinematografico del Sncci, pianista (diplomanda al Conservatorio “N. Piccinni” di Bari con la M° Elisabetta Pani) si specializza con la Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. Incontra Carlo Cecchi e da lui apprende le regole del gioco del Teatro, nel suo percorso è fondamentale il rapporto con la drammaturgia di Enzo Moscato (del quale ha curato la recente pubblicazione dei testi Compleanno e Festa al celeste e nubile santuario raccolti in volume per Florestano con i contributi di Isa Danieli, Cristina Donadio, Armando Pugliese e altri interpreti delle opere dello stesso Moscato). Quattro volte semifinalista al Premio Campiello giovani, “La Poesia che il Mondo non cambia. Il mondo salvato dai ragazzini da Elsa Morante a Pier Paolo Pasolini e una conversazione con Carlo Cecchi” è il suo primo saggio (Florestano, 2019). È giornalista e fondatrice della testata Polytropon Magazine.

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it