I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 
Immagine: © Daniela Vitarelli

Foggia – La IX edizione del festival del cinema indipendente

24/11/2009


Dalle 10 del mattino alle 3 di notte per sette giorni senza sosta. Quando il festival del cinema indipendente di Foggia si mette in moto, la concentrazione è totale.


Il 27 novembre si inaugura la nona edizione di un evento che è cresciuto negli anni aprendosi verso un’idea di cinema lontana dalle logiche commerciali. Qui trovano spazio produzioni a basso costo, temi difficili, libertà espressiva, sperimentazione, idee innovative. C’è posto per tutti quei giovani autori che sanno trasmettere opere di qualità senza essere risucchiati nei meccanismi del mercato distributivo.

La Provincia di Foggia dedica questa nona edizione a Luciano Emmer, padre del cinema neo-realista scomparso il 16 settembre scorso. Il legame tra il regista e il capoluogo dauno risale a molto tempo fa. Non solo Emmer è stato il presidente di giuria per la sezione lungometraggi nell’anno di battesimo del festival ma in Capitanata diceva di ritrovare quell’entusiasmo di fare cinema che lui stesso condivideva.

Durante la serata inaugurale, cui parteciperanno anche i figli Michele e Davide, verranno proiettati il backstage de “Il cardo rosso”, film ambientato nell’Ottocento della terra foggiana e “La ragazza in vetrina” in versione restaurata e integrale.
Al maestro saranno dedicati inoltre una videoinstallazione presso la Torre Ducale di Pietramontecorvino (Fg) e una retrospettiva nella saletta di proiezione della Biblioteca “La magna Capitanata” per gli studenti delle scuole superiori.

Sono sei le sezioni in gara: Lungometraggi; Corti del territorio; La mente al cinema, aperta a film e docu-fiction sul disagio mentale e lo stigma sociale; il Cinema nella scuole; e poi la sezione Cortissimi e Videoclip, novità di quest’anno. Presiede la giuria tecnica la regista Maria Sole Tognazzi chiamata a scegliere assieme alla scrittrice Cinzia Tani, al produttore Alessandro Bonifazi e alle due attrici Alessandra Figus e Alessia Barela il film più meritevole tra i 12 in gara. Tutte le premiazioni si svolgeranno durante la serata finale del 5 dicembre presentata da Mauro Pulpito.

Il calendario del festival, oltre che scandire gli appuntamenti con i lavori in concorso, è ricco di tutta una serie di iniziative e eventi collaterali. I due direttori artistici Mauro De Palma e Fabio Principe, insieme a un nutrito staff di collaboratori e volontari, non hanno lasciato nulla al caso. C’è ad esempio “Storie del territorio”, lo spazio dedicato alla proiezione delle opere di autori locali che hanno ottenuto riconoscimenti a livello nazionale.

Cosimo Damiano Damato, Ferruccio Castronuovo, Pino Bruno e Anna Rita Caracciolo sono 4 dei nomi che si sono imposti nel panorama cinematografico italiano. C’è “Festival a mezzanotte: tre passi nel mistero”, un ciclo di proiezioni dedicato all’horror. Ci sono ancora le produzioni del Progetto Memoria, promosso dall’Apulia Film Commission per narrare di personaggi, eventi o luoghi particolarmente significativi della Puglia del ‘900. C’è spazio anche quest’anno per le abilità pratiche con uno stage per i ragazzi delle scuole superiori finalizzato alla realizzazione di un videoclip musicale.

Un evento da non perdere è senz’altro la proiezione lunedì 30 novembre del documentario “Zemanlandia” che ripercorre le vicende del grande Foggia di Zeman. Cinquantacinque minuti per raccontare gli anni d’oro della storia calcistica della città con i protagonisti di quel tempo tra interviste e materiali di repertorio.

Daniela Vitarelli

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it