Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 
Immagine: © Egidio Magnani

Bari - Energia rinnovabile : Vendola incontra la delegazione dell'Ocse

24/03/2011

“La produzione di energia rinnovabile come politica di sviluppo regionale delle aree rurali”


Vendola incontra la delegazione dell’Ocse: “Per l’agricoltura occorrono
piccole centrali per l’autoproduzione e l’autoconsumo.
Questa è la via maestra”



“Noi abbiamo scelto la green economy come modello di sviluppo alternativo a quello distruttivo dei valori dell’ambiente. E in questo contesto, il rapporto tra energie rinnovabili e sviluppo rurale oggi è un argomento fondamentale da affrontare”.

Lo ha detto il presidente della regione Puglia Nichi Vendola questa mattina a conclusione della tre giorni di studio da parte dei numerosi delegati dei vari Paesi coinvolti nel progetto proposto dall’OCSE “La produzione di energia rinnovabile come politica di sviluppo regionale delle aree rurali”.

Oggi molti paesi hanno la consapevolezza che la produzione di energia rinnovabile costituisce un’opportunità di sviluppo per le regioni rurali. Grazie alla produzione di energia verde, le aree rurali infatti hanno la possibilità di utilizzare il proprio patrimonio di fonti energetiche rinnovabili per creare posti di lavoro stabili e preziosi in settori emergenti, incoraggiare gli investimenti e migliorare il proprio capitale umano e sociale.

“Abbiamo la possibilità per esempio – ha detto Vendola - di ragionare su quei terreni inquinati da diossina o da arsenico che non possono essere più coltivati e produrre lavorazioni tradizionali. Occorre far respirare il terreno che è stato inquinato e abusato dalla chimica e occorre anche poter immaginare un reddito per i proprietari di quei terreni. Bisogna contestualmente però immaginare che le energie rinnovabili, nelle campagne come nelle città, non possano svilupparsi con le mega aziende o con i grandi impianti . Devono svilupparsi con le centrali di piccola taglia.
Per l’agricoltura dunque occorrono piccole centrali per l’autoproduzione e l’autoconsumo.
Questa è la via maestra. Così come nelle città – ha concluso Vendola - dobbiamo privilegiare il pannello fotovoltaico per famiglia. Con questi presupposti si può arrivare ad un risultato straordinario per i cittadini, per i lavoratori e per gli imprenditori, quello cioè dell’abbattimento della bolletta energetica e dell’abbattimento dell’inquinamento”.

Il progetto
Nel corso del 2010 la Regione Puglia ha aderito al progetto “La produzione di energia rinnovabile come politica di sviluppo regionale delle aree rurali” proposto dall’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, finalizzato a conoscere e mettere a sistema le buone prassi internazionali sul tema energetico e la creazione di opportunità di crescita economica.

Al progetto hanno aderito numerosi Paesi: il Canada (Québec, e Prince Edward Island),l’Olanda (Province of Fryslân), l’Italia (Puglia e Abruzzo), la Svezia, la Danimarca, la Norvegia, la Finlandia, il Regno Unito (Scozia), la Spagna (Extremadura) e gli Stati Uniti d’America.

Il progetto mette in rete esperienze regionali in diversi paesi dell’OCSE. Oltre alla Puglia, fanno parte di questo network internazionale: Abruzzo, Fryslân (Olanda), Québec e Prince Edward Island (Canada), Extremadura (Spagna), Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Scozia (Regno Unito), e quattro regioni negli Stati Uniti D’America.

Il progetto è articolato secondo un programma di lavoro che prevede un aggiornamento costante degli esperti coinvolti, anche attraverso il confronto diretto con i portatori di interesse di ogni singolo Paese, che si concluderà nel corso del 2012.

 

 
 

Puglialive.net - Testata giornalistica - Reg.n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile: Nicola Morisco

Powered by studiolamanna.it