I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 
Immagine: © Egidio Magnani

Bari - Riesame Aia per l'Ilva di Taranto. Vendola scrive a Clini

06/03/2012

Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha inviato questo pomeriggio la richiesta di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale rilasciata allo stabilimento siderurgico Ilva di Taranto, al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini.

Di seguito il testo integrale della lettera

“in occasione del rilascio dell'AIA alla società I LVA, stabilimento siderurgico di Taranto, la Regione Puglia con DGR n. 1504 del 04/07/2011 ha espresso parere favorevole con prescrizioni, tra le quali: «relativamente al benzo(a)pirene, il dispositivo autorizzativo preveda di procedere al riesame dell'AIA rilasciata all'esito della conclusione delle attività previste dalla DGR Puglia n. 344 del 10 febbraio 2010».

Tale richiesta è stata recepita all'articolo 6 del Decreto Ministeriale di AIA, ove è previsto che: « ... la presente autorizzazione sarà soggetta a riesame anche alla luce ... degli esiti della conclusione delle attività previste dalla DGR Puglia n. 344 del 10 febbraio 2010, , qualora richiesto dalla medesima Regione Puglia».

Recentemente, l'Arpa Puglia, con nota prot. n. 5520 del 01/02/2012 ha reso nota, tra l'altro anche a codesto Ministero, all'ISPRA ed alla Procura di Taranto, la «Relazione Tecnica» contenente i risultati del «monitoraggio "diagnostico" del Benzo(a)Pirene a Taranto». dalla quale si evincono valori non in linea con quanto previsto dalla
normativa nazionale e regionale di settore (D.lgs. 155 del 13/08/2010 e L.R. Puglia n. 3 del 28/02/2011) in materia di qualità dell'aria.

Tale lavoro dell'Agenzia Regionale rappresenta un elemento importante che non può non essere oggetto di specifica valutazione da parte di tutti i soggetti già coinvolti nel procedimento autorizzatorio, anche alla luce delle considerevoli ripercussioni di carattere ambientale e sociale connessi all'impinato ILVA.

Pertanto, nel richiamare l'ultima nota n° 357 in data 02.03.2012 del Servizio Rischio Industriale regionale, si conferma per le motivazioni sopra riportate e per quanto previsto dall'art. 6 del Decreto Ministeriale di AIA n. 450 del 04/08/11, sono a chiederTII'avvio del riesame dell'AIA rilasciata allo Stabilimento siderurgico ILVA di Taranto”.

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it