I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

Bari - Assegnati i premi 'PIEDIGROTTA BARESE' LE TRADIZIONI, LA LINGUA, GLI USI E I COSTUMI DEL POPOLO BARESE

24/09/2012

Tutto esaurito al Nuovo Teatro Abeliano per la serata di premiazione dei vincitori del Premio “Piedigrotta Barese”, festa curata e condotta da Vito Signorile.
Ospite d’onore uno straordinario Mario Mancini che, insieme al musicista e compositore Gianni Giannotti e dallo stesso Signorile, ha regalato una delle sue singolari caratterizzazioni: I ricordi di guerra di un nonno barivecchiano. Tra gli ospiti anche la band Camillorè, che ha regalato un omaggio alla baresità attraverso l’accattivante “La nonne”, e Felice Alloggio con i suoi giochi dell’infanzia.

La giuria, composta da Franco Blasi, Nicola Cutino, Gigi De Santis, Antonella Genga e Felice Giovine, oltre ad offrire il proprio contributo attraverso la lettura di opere dei grandi poeti del passato, ha decretato i vincitori nelle varie categorie.

Premio Francesco Saverio Abbrescia per la poesia in dialetto Barese: Primo classificato Stefano Viniero con “Càlgia vèrgene” (calce vergine); secondo classificato Savino Morelli con “U fernàre” (il fornaio); terzo classificato Pinuccio Macchia con “U Commèrce, u penzìire, la chescènze” (il commercio, il pensiero, la coscienza); segnalati Ettore De Nobili con “Ce uà avè le uà” (che guaio avere guai), Armando Santoro con “La predica”, Rosaria Zonno con “la libertà”.

Premio Alfredo Giovine per il racconto in dialetto barese: Primo classificato Emanuele Zambetta con “ U salvatòre de l’anemàle” (il salvatore degli animali); secondo classificato Sante Diomede con “Bbare 2056”; terzo classificato Felice Alloggio con “La felovì numere uètte” (la filovia numero otto); segnalata Giuditta Abatescianni con “U vastàse de u muèle” (il facchino del molo).
Premio Matteo Salvatore per la canzone in dialetto barese: segnalata Anna Mila Stella con “Vidua Vidue”. Premio Rocco Errico per una foto per Bari: segnalata Celestina Carofiglio con “Studio del pittore”.

Dopo la parentesi quinquennale 1996/2000 della “Piedigrotta Barese” e i numerosi omaggi ai cosiddetti Padri del dialetto, da Francesco Saverio Abbrescia a Vito Defano, da Gaetano Savelli a Dell’Era, Piergiovanni, De Benedictis, Sorrenti, Capriati e tantissimi altri, il Centro Polivalente di Cultura Gruppo Abeliano ha ripreso, tra le tante, le attività di ricerca e promozione nell’ambito delle Tradizioni, la lingua, gli usi e costumi del popolo barese, attraverso l’articolato e scientifico Progetto Pluriennale,“Bari e le sue Tradizioni” a cura di Vito Signorile.

Il progetto prevede spettacoli, pubblicazioni, ricerche e presentazioni di autori antichi e contemporanei, premi destinati a cittadini baresi di tutte le età e ai ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori, per stimolare la creatività in dialetto e incrementare le ricerche sulle tradizioni e il costume popolare barese (www.nuovoteatroabeliano.com - www.vitosignorile.com).

Il premio annuale per la Poesia, la Canzone, il Racconto, (inediti, a tema libero e in dialetto barese), la fotografia (riferita a Bari, i suoi Quartieri, le sue tradizioni, i suoi artigiani.) viene bandito dal Centro Abeliano annualmente con la “Piedigrotta Barese”.

Premio Francesco Saverio Abbrescia per la Poesia Premio Alfredo Giovine per il Racconto Premio Matteo Salvatore per la Canzone Premio Rocco Errico per la Fotografia Ogni sezione prevede la categoria adulti e la categoria ragazzi. È in via di definizione il nuovo Bando indirizzato alle scuole medie e superiori di Bari e a tutti i cittadini amanti della baresità.

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it