I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni
Cerca nel sito   Data
 Redazione di Bari
 

La Notte della Taranta - 8 - 25 agosto 2007 - Decima Edizione - Melpignano (Lecce)

07/07/2007

REGIONE PUGLIA
PROVINCIA DI LECCE
UNIONE DEI COMUNI DELLA GRECIA SALENTINA
ISTITUTO DIEGO CARPITELLA

p r e s e n t a n o

LA NOTTE DELLA TARANTA
8 - 25 AGOSTO 2007
DECIMA EDIZIONE

CONCERTONE FINALE CON
L’ORCHESTRA “LA NOTTE DELLA TARANTA”
diretta dal maestro concertatore
MAURO PAGANI

OSPITI:
MARIA FARANDOURI, le soliste bulgare di EVA QUARTET, GINEVRA DI MARCO
MASSIMO RANIERI, GIULIANO SANGIORGI, MORGAN
PIERO BREGA, L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO


Decima edizione in Salento dall’8 al 25 agosto prossimo per La Notte della Taranta il più grande festival musicale dedicato al recupero e alla valorizzazione della pizzica salentina attraverso l’incontro con altre tradizioni e diversi generi musicali, promosso e organizzato da Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione dei Comuni della Grecìa Salentina e Istituto Diego Carpitella in collaborazione con Camera di Commercio di Lecce, Gioco del Lotto, che da anni promuove il recupero e la conservazione del patrimonio artistico, paesaggistico e delle attività culturali, e Arcus SpA – società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo nata per volontà del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – e con la produzione e l’ufficio stampa di Princigalli Produzioni.

Ad orchestrare l’edizione 2007 del concertone finale è stato chiamato il musicista e polistrumentista Mauro Pagani che in Italia è uno dei protagonisti più autorevoli di un lavoro costante sulla musica popolare e sulla sua contaminazione con altri generi musicali che lo ha visto al fianco di alcuni grandi musicisti impegnati su questo stesso percorso, primo fra tutti Fabrizio De Andrè, con il quale Pagani ha lavorato soprattutto sul disco Creuza de mar, del 1984, da lui ripubblicato con nuovi arrangiamenti nel 2004.

La notte del 25 agosto prossimo, nel piazzale dell’ex Convento degli Agostiniani a Melpignano, Pagani dirigerà quindi “L’Orchestra La Notte della Taranta”, nata tre anni fa in seno al festival e diventata ormai patrimonio artistico e musicale di tutto il Salento, che di questo testimonia ed esporta da tempo la voce e la tradizione.
In questa edizione, l’Orchestra vedrà rinnovato il suo organico dalla presenza di una sezione di archi molto ricca (violini, viole, violoncello e contrabbasso) che si affiancherà ai più tradizionali strumenti a percussione (tra cui i tamburelli salentini) e a tutti gli altri strumenti a corde, a fiato, acustici ed elettronici.

Molti gli ospiti che parteciperanno alla Notte finale: Giuliano Sangiorgi, voce e anima del gruppo tutto salentino dei Negramaro che il festival ha voluto come espressione di un forte legame con il territorio e con la sua crescita in campo artistico e musicale (oggi Sangiorgi è uno dei cantanti italiani più noti ed acclamati); Massimo Ranieri, storico interprete della musica di tradizione napoletana e più in generale italiana, che con la sua vocalità ha portato nel mondo tutto il calore della cultura musicale e della tradizione del nostro Mediterraneo; Morgan, uno dei musicisti simbolo dell’Italia degli anni ’80, voce versatile e in continuo movimento; Ginevra Di Marco, storica voce dei CSI e poi dei PGR di Giovanni Lindo Ferretti ed artista solista da tempo impegnata in un lavoro di ricerca sulle tradizioni musicali del mondo; Piero Brega, tra i protagonisti del folk revival degli anni ’70 e di molte esperienze di confine tra la musica tradizionale e altre sonorità come il jazz.

Per questa decima edizione, la Notte della Taranta ha voluto aprire il festival al Mediterraneo facendo incontrare ritmi e suoni del panorama tradizionale salentino con quelli della musica popolare di questo bacino di civiltà, di lingue e di popoli, ospitando alcune cantanti di fama internazionale che rappresentano varie declinazioni possibili della vocalità femminile, quest’anno fra i temi conduttori del concertone, come la cantante greca Maria Farandouri e le soliste bulgare Eva Quartet e alcuni musicisti dell’Orchestra di Piazza Vittorio, esempio vivente dell’incontro fra le musiche possibili come dialogo tra i popoli ed antidoto alle differenze.
“L’Orchestra La Notte della Taranta” si avvarrà anche della collaborazione di musicisti dell’area salentina come Mimmo Epifani, Roberto Licci e Claudio Cavallo Giagnotti e di musicisti ospiti protagonisti di esperienze di musica di confine: Gavino Murgia (fiati e launeddas), Giovanni Sollima (violoncello), Mario Arcari (fiati), Arnaldo Vacca (percussioni).

Ad aprire il concertone diretto da Pagani saranno come ogni anno cantori della tradizione, che questa volta porteranno sul palco di Melpignano i canti e i suoni di tutta la Puglia, anche qui nella logica, da sempre propria della Notte della Taranta, dell’incontro fra il Salento e un più ampio territorio: i Cantori di Villa Castelli, i Cantori di Carpino e poi Uccio Alosi faranno risuonare i canti dell’Alto Salento e della Murgia, del Gargano e del basso Salento in un unico inno alla tradizione che lascerà poi il posto ad una intro dell’Orchestra di piazza Vittorio e infine a tutta l’Orchestra La Notte della Taranta con Mauro Pagani e con i suoi tanti ospiti.

Per quanto riguarda le due settimane che precedono la notte finale, quindici saranno i comuni del Salento attraversati da altrettanti concerti del festival ogni sera dall’8 al 23 agosto con una sola pausa come ogni anno la sera del 15. Oltre i tradizionali comuni che fanno parte dell’enclave in lingua grika della Grecìa Salentina, promotore del Festival fin dalla sua prima edizione nel 1998, ovvero Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano Salentino, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martignano, Martano, Soleto, Sternatia, Zollino (e Melpignano che ospita la notte finale) e i comuni di Alessano, Cursi e Galatina che già da anni sono entrati nel circuito del Festival, quest’anno si aggiungono ancora due nuovi comuni, Andrano, dell’area del Capo di Leuca, e Otranto.

I concerti proporranno un’ampia rassegna dei più importanti gruppi di tradizione locale e non solo, e saranno un’occasione di incontro musicale e culturale fra differenti esperienze che sul palco itinerante del festival prendono corpo.

Anche per il 2007 La Notte della Taranta non sarà solo musica, ma progettualità culturale in senso più ampio ed articolato. Anche quest’anno una mostra collettiva di artisti locali inaugurerà il Festival nelle sale del Castello di Corigliano d’Otranto la sera dell’8 agosto per rimanere poi aperta durante l’intera durata del festival; il 13 e 14 agosto invece si terrà un Convegno Internazionale di Studi sulle Danze Tradizionali dell’Europa del Mediterraneo; dal 16 al 18 agosto a Martignano, in collaborazione con l’associazione culturale Fondo Verri Presidio del libro di Lecce, si svolgerà la rassegna di poeti e di poesia dal titolo La poesia detta.
Durante l’intera durata del festival prenderà corpo anche quest’anno l’esperienza del Diario Online della Notte della Taranta con il Taranta Videoblog a cura del Performing MediaLab di Carlo Infante.

Informazioni sul sito web ufficiale del festival www.lanottedellataranta.it

 

 
 

Testata giornalistica Puglialive.net - Reg. n.3/2007 del 11/01/2007 Tribunale di Bari
Direttore Responsabile - Nicola Morisco
Editore - Associazione Culturale PugliaLive - codice fiscale n.93385210724 - Reg.n.8135 del 25/05/2010

Powered by studiolamanna.it